Festa dei Sapori 2018. Cuochi in erba, Ramadan e piatti da tutto il mondo

“La cucina è una grande tradizione dell’Italia, ma è bello imparare anche dagli altri Paesi”. Con queste parole, il preside Massimo Biolcati Rinaldi ha salutato venerdì scorso i partecipanti alla Festa dei Sapori, che si è tenuta come di consueto nella scuola di via Foppette e che, come da tradizione, è stata organizzata dalla maestra Patrizia Orsini.

Ma il dirigente scolastico non è stato il solo a prendere la parola. Per la prima volta, tra chi si è alternato a raccontare pietanze e tradizioni del proprio Paese di origine (quest’anno Bolivia, Brasile, Cina, Ecuador, Egitto, Eritrea, Filippine, Francia, Inghilterra, Perù, Russia, Scozia, Thailandia e Turchia), si sono fatti avanti anche due piccoli cuochi. Penelope, 5A, ha spiegato come si prepara la Torta pasqualina, che ha cucinato insieme con il papà e il fratello Vittorio. Mentre Mauro, 1C, ha snocciolato – sempre più sicuro man mano che parlava – gli ingredienti-base della sua Ciambella siciliana all’arancia: burro, zucchero, farina, lievito e – va da sé – arance.

Questo slideshow richiede JavaScript.

[Qui sopra: La Festa dei Sapori. Foto di Federica Scudeletti]

È stato un piacere ascoltare da Tirhas e Gerusalemme, mamme di Ruth, Abraham e Mary, come si prepara lo Zighinì eritreo. O, ancora, sentire come si combinano gli ingredienti del Pollo “sweet and sour” thailandese. “È un piatto veloce di tutti i giorni”, ha spiegato Ning, che viene da una cittadina più vicina alla Cambogia che a Bangkok.

Quest’anno, poi, la Festa dei Sapori è capitata in pieno Ramadan, il mese in cui i musulmani digiunano tutto il giorno, dall’aurora al tramonto. Awetef, mamma di Hodi 5A, non è però rimasta casa, ha anzi preparato uno dei dolci caratteristici del mese sacro, il Qatayef egiziano. Si cucina invece sempre, e non solo nel nono mese del calendario lunare musulmano, l’Incir tatlisi turco di Nilay, mamma di due bambini di Foppette. È un piatto a base di fichi cotti al forno ripieni di sesamo, noci, cocco e cannella. Gustosissimo: si scioglie in bocca, rivelando poco a poco tutti i suoi ingredienti.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

[Qui sopra: i piatti che abbiamo assaggiato alla Festa dei Sapori. Foto di Elena Sommariva]

Ginevra, italiana, marito inglese, ha preparato invece un Rasperry apple crumble: pezzetti di mele e lamponi coperti da un impasto di burro, farina, zucchero e mandorle sbriciolati. “Si può fare con qualunque frutta di stagione, meglio se un po’ succosa”, ha spiegato. “Ed è un modo per farla mangiare ai bambini”.

Eliza, mamma di Andy 5A, ha raccontato il suo Enrollado de pollo ecuadoregno a base di patate, pollo, verdure e maionese. Mentre Sonia, mamma di Mariagrazia, sempre 5A, la sua Causa peruviana, ripiena di verdure, patate gialle e pollo. Ingrediente fondamentale, l’aji amarillos (tipico peperoncino giallo) che a Milano, ha spiegato, si può acquistare in piazza XXIV Maggio.

Paese che vai, temperatura che trovi. “Qui fa troppo caldo”, ha confidato una mamma scozzese, “il tempo di arrivare e il mio piatto si era sciolto”. Ci siamo consolati con la Quiche lorraine cucinata dal marito, francese. Per assaggiare il suo Scottish macaroon, dolce a base di patate, torneremo il prossimo anno.

festa-sapori-2018-manifesto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: